Ho bisogno di conoscere la filosofia per iniziare un percorso di consulenza filosofica?

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Spesso mi viene chiesto se occorre avere competenze filosofiche o conoscere la filosofia per intraprendere un percorso di consulenza filosofica.

La risposta è ovviamente no.

Sarebbe come dover avere competenze in odontoiatria per andare dal dentista o essere un apicoltore per mangiare il miele.

Un percorso di consulenza filosofica è un cammino di consapevolezza di sé. Si parte da un problema di natura relazionale, esistenziale, lavorativo ecc. e si intraprende, accompagnati dagli strumenti della filosofia pratica, quel tragitto trasformativo che ad ogni tappa aggiunge un tassello al ritrovamento del benessere interiore.

Il consulente filosofico ha il compito di accompagnare il cliente ad esplorare piacevolmente il paesaggio interiore fatto di pensieri, valori ed emozioni. Il tutto utilizzando le sorprendenti tecniche pratiche tramandateci dai filosofi sia antichi che moderni.

Ciò che entusiasma di più coloro che si rivolgono alla consulenza filosofica è che si tratta di un metodo non giudicante. La via definitiva che porta la persona ad auto-determinare il proprio benessere trovando dentro di sé risorse che spesso non pensava nemmeno di avere.